Archivi Blog

LETTURE HARD IN UN LICEO ROMANO: DOCENTI DENUNCIATI

urlo-munchSta facendo il giro del web questa notizia che riguarda un noto liceo romano: il Giulio Cesare. Dei ragazzi minorenni, di età compresa tra i 14 e 16 anni, sarebbero stati costretti a leggere in classe alcuni brani tratti dal romanzo di Melania Mazzucco Sei come sei.

Non conosco il libro in questione ma ho letto uno dei brani sotto accusa. Lo riporto di seguito, AVVERTENDO CHE CONTIENE DEI RIFERIMENTI ESPLICITI AD UN RAPPORTO SESSUALE TRA GAY

, la cui lettura, quindi, non è consigliata a tutti.

“… Nessuno avrebbe mai sospettato che quel muscoloso, ruvido, stopper la notte si stancava la mano sulle foto di Jimi Hendrix, Valerij Borzov e Cassius Clay. Pure, benchè sapesse che Mariani Andrea non soltanto lo avrebbe respinto ma anche tradito e sputtanato, un pomeriggio, quando dopo la partita indugiò nello spogliatoio e si ritrovò solo con lui, Giose decise di agire – indifferente alle conseguenze.

Si inginocchiò, fingendo di cercare l’accappatoio nel borsone, e poi, con un guizzo fulmineo, con una disinvoltura di cui non si immaginava capace, ficcò la testa fra le gambe di Mariani e si infilò l’uccello in bocca. Aveva un odore penetrante di urina, e un sapore dolce.

Invece di dargli un pugno in testa, Mariani lasciò fare. Giose lo inghiottì fino all’ultima goccia e sentì il suo sapore in gola per giorni. Il fatto si ripetè altre due volte, innalzandolo a livelli di beatitudine inaudita…”

Non conosco e nemmeno immagino per quale motivo sia stata scelta quest’opera per una lettura in classe a dei minorenni. Non mi va nemmeno di esprimere un giudizio perché non conosco i fatti, se non quanto sommariamente riportato dai media, né le circostanze che li hanno determinati. Ignoro se dietro ci sia un progetto particolare (magari con il fine di combattere l’omofobia), se sia stato presentato e concordato con le famiglie, essendo la lettura rivolta a degli adolescenti.

Fatto sta che i docenti (si parla di più d’uno, stando alla notizia diffusa) sono stati denunciati presso la Procura di Roma da un gruppo di genitori che hanno agito dopo aver contattato l’Associazione Giuristi per la Vita e l’Associazione Pro Vita Onlus.

Nella denuncia si afferma che gli allievi in questione hanno un’età compresa tra i 14 ed i 16 anni, da qui il reato ipotizzato di corruzione di minore. Inoltre si sottolinea che la divulgazione di materiale dichiaratamente osceno, non può non urtare la sensibilità dell’uomo medio, specie se si considera che tale divulgazione era diretta ad un pubblico composto da minorenni.

Secondo i genitori, gli allievi del ginnasio romano sarebbero stati obbligati a leggere il romanzo a forte impronta omosessualista, sottolineando che alcuni passi rivelano, in realtà, un chiaro contenuto pornografico.

Personalmente non ho nulla contro la Mazzucco e il suo romanzo, su cui non mi esprimo perché non l’ho letto (ma invito chi l’avesse fatto a illuminarmi!). Tale vicenda mi ha fatto tornare alla mente un fatto occorsomi una dozzina di anni fa in una classe seconda (quindi frequentata da dei 15enni).

Avevo assegnato, come compito a casa, la lettura del romanzo di Elsa Morante La Storia, considerando il fatto che si tratta di uno dei pilastri dell letteratura del Novecento. Due genitori vennero al colloquio portando con sé un voluminoso pacco di fotocopie (più di un centinaio di fogli), su cui avevano pazientemente evidenziato tutte le parolacce (ahimè, anche bestemmie) o le situazioni sconvenienti, a loro dire, inserite nella narrazione. Dissero che quel libro mai e poi mai l’avrebbero fatto leggere al figlio. Non obiettai in quanto mi pareva fosse una legittima scelta, anche se potevo immaginare come si sentisse quel ragazzo, unico fra tutti i suoi compagni, a non poter leggere il romanzo della Morante.

Ora, senza offesa per la Mazzucco, di certo, almeno da quanto si evince dal passo riportato, non mi pare una gran scrittrice, nulla a che vedere con la Morante.

Da parte mia, onde evitare altri problemi, mi limito a leggere, in seconda, i Promessi Sposi che nulla ha di scabroso, a meno che non si guardi il video del trio Solenghi, Marchesini, Lopez.

Scherzi a parte, voi come giudicate la reazione di quei genitori?

[fonti: Orizzontescuola e Il Messaggero]

AGGIORNAMENTO DEL POST, 28 APRILE 2014

Attraverso un’altra fonte (Corriere.it), la vicenda acquista contorni meno sfumati.

La lettura del libro della Mazzucco rientra tra quelle proposte ad alcune classi del ginnasio, nell’ambito della «Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale» voluta dalla Presidenza del Consiglio e finalizzata alla «realizzazione di un piano triennale di azioni pilota (2013-2015), integrate e multidisciplinari, volte alla prevenzione e al contrasto delle discriminazioni in tale ambito».

Ecco spiegato il motivo per cui si parla di più docenti denunciati.
A questo punto, prendo anch’io una posizione e dichiaro che non avrei mai appoggiato un progetto che mi costringa a leggere un brano come quello riportato perché, oltretutto, è scritto in una maniera orribile. Poi, come qualcuno ha commentato, ci sono sicuramente dei testi più adatti per trattare un argomento così delicato.

Annunci

I NATIVI DIGITALI? CE LI SIAMO INVENTATI NOI

tablet bambiniRiprendo a parlare dei giovani d’oggi, quelli che chiamiamo “nativi digitali” riferendoci al fatto che le nuove generazioni sono a contatto con la tecnologia digitale fin dalla più tenera età.

Anche a scuola il dibattito è acceso: dobbiamo adeguarci alle nuove richieste dei bambini e dei ragazzi? Una scuola innovativa non può prescindere dalla tecnologia: è giusto far usare il tablet, solo per fare un esempio, agli scolari della primaria? La scuola è noiosa: perché non venire incontro alle esigenze dei discenti con una didattica innovativa che faccia uso della LIM?

Tante domande che hanno risposte diverse. C’è chi incoraggia l’utilizzo di sussidi informatici per un apprendimento veloce e interessante, per loro ovviamente, e c’è chi sostiene che già a casa i ragazzi stiano per ore incollati al monitor di un pc o di un tablet, utilizzando i social network e applicazioni ludiche. Almeno per imparare qualcosa di valido e duraturo bisogna rimanere fedeli ai vecchi strumenti didattici: i libri di testo, rigorosamente cartacei, e tutt’al più qualche sussidio come film e power point per spiegazioni veloci.

Non si arriverà mai ad una posizione univoca, ad una soluzione condivisa.

Ma ci siamo mai chiesti cosa significhi davvero “nativi digitali”?
Una spiegazione esauriente la fornisce danah boyd – rigorosamente scritto minuscolo per adeguarsi alla scomparsa del maiuscolo dettata dall’utilizzo dei telefonini e dei social network – nel libro It’s complicated. The social lives of networked teens (YUP), uscito proprio in questi giorni negli Stati Uniti.

L’autrice rifiuta l’etichetta “nativi digitali” e lo spiega a chiare lettere:

Quando parliamo di “nativi digitali” non ci vogliamo prendere la responsabilità di aiutare i ragazzi. La retorica che circonda i “nativi” vuol far credere che i giovani siano per natura abili con la tecnologia in virtù dell’anno in cui sono nati. Mentre i dati che abbiamo, e non le impressioni, dimostrano che molti ragazzi non hanno neanche competenze tecnologiche di base.

Insomma, pensiamoci: abbiamo creato dei “mostri”. Personcine che prendono confidenza con l’informatica, senza capirne un acca dal punto di vista tecnico, solo perché vedono gli adulti che ne fanno un uso smodato, senza tener conto che è l’esempio che conta. Quale modello possono mai essere dei genitori incollati allo smartphone che rispondono distrattamente alle richieste dei più piccoli? Alla fine i figli crescono con l’idea che ciò che rapisce così tanto gli adulti debba essere per forza molto interessante.

I più giovani sanno usare la tecnologia meglio di tanti adulti, è vero. Ma, come sostiene la boyd, non nascono con il tablet nella culla al posto dei vecchi sonagli e pupazzetti di peluche. Siamo noi grandi a dare l’esempio e, rassegnati, li definiamo “nativi” quando dovremmo semplicemente chiamarli “malati digitali”.

[fonte: intervista a danah boyd su pagina99.it, segnalata da @tuttoprof; immagine da questo sito]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: