Archivi giornalieri: 2 giugno 2016

ESAME DI STATO: COME CALCOLARE IL VOTO FINALE


Le regole sono invariate rispetto all’anno scorso ma vale la pena riproporle.

Il voto finale della maturità si ottiene sommando le valutazioni conseguite nelle singole prove ai crediti ottenuti nel triennio di scuola superiore. Il punteggio viene espresso in centesimi ed il voto minimo è 60/100, che corrisponde alla sufficienza.

Vediamo nel dettaglio.

CREDITI FORMATIVI: il punteggio ottenuto può andare da un minimo di 10 a un massimo di 25 punti.

PROVE SCRITTE: ad ogni prova (tre in tutto: la prima prova di italiano, uguale per tutti gli istituti; la seconda differenziata e scelta dal ministero; la terza, che può essere di diversa tipologia, verte di norma su quattro-cinque materie dell’ultimo anno e viene predisposta da ciascuna commissione) viene assegnato un punteggio massimo di 15 punti (10/15 corrisponde alla sufficienza; un voto inferiore non preclude, tuttavia, l’ammissione al colloquio). Quindi, il massimo punteggio ottenibile per le tre prove è di 45 punti.

COLLOQUIO ORALE: il punteggio massimo ottenibile è 30 punti; la sufficienza è fissata a 20. Inizia, come è noto, dall’esposizione di un argomento a scelta (“tesina”) che di norma deve partire da una materia fra quelle comprese nel piano di studi e deve far parte dei programmi del quinto anno. Tuttavia, c’è una certa elasticità. Soprattutto negli ultimi anni non si parla espilcitamente di “tesina” che può essere presentata anche alla commissione, benché sia meglio consegnare solo la mappa concettuale (si risparmia tempo non dovendo curare l’impaginazione e la grafica del testo).

I PUNTI BONUS: possono essere assegnati dalla commissione e vanno da un minimo di 1 punto a un massimo di 5 punti.
Per ottenere il bonus queste sono le condizioni:

1. essere stati ammessi all’esame di Stato con almeno 15 punti di credito
2. aver ottenuto almeno 70 punti complessivi fra prove scritte e colloquio orale

L’attribuzione o meno del bonus è comunque a discrezione della commissione che ha la possibilità – non l’obbligo – di premiare gli studenti meritevoli.

LA LODE: la commissione può decidere di premiare gli studenti eccellenti a patto che:

1. siano stati ammessi all’Esame di Stato con 25 punti di credito (il massimo), abbiano ottenuto 45 punti alle prove scritte e 30 punti all’orale, senza usufruire del bonus;
2. abbiano ottenuto almeno l’8 in tutte le materie e in condotta negli scrutini finali della terza, quarta e quinta superiore. Vale a dire che per meritare la lode i maturandi devono aver conseguito la media del 9 durante il triennio, senza avere in pagella nessun voto inferiore all’8.

Ecco il tutto sintetizzato nella seguente tabella:

dal sito studenti.it

dal sito studenti.it

VEDI ANCHE QUESTA PAGINA

Annunci

Studiare bene, alcune dritte…

Interessante e utile. Forse un po’ lungo ma spero che i miei allievi di quinta (e non solo loro!) lo leggano.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Studiare bene

(I primi quattro punti di questo articolo, contrassegnati dalle “”virgolette””, sono tratti da: http://www.mindcheats.net/2010/05/memorizzazione-a-lungo-termine.html )

“”Questa tecnica sembra molto utile per tutti gli studenti e non solo: i principi della memorizzazione a lungo termine.

Sì, perché il cervello ha un metodo tutto suo per ricordare le cose, e una volta compreso si può “bypassare” la selezione automatica che fa e obbligarlo a memorizzare i dati che interessano a noi. O per essere più precisi, questo è un sistema per suggerire al nostro cervello quali sono i dati da tenere.

Come tutti sanno, per memorizzare qualcosa non bisogna fare altro che ripeterla all’inverosimile.

Ok, funziona, ma è il metodo più efficace? No, se si ripete troppo può diventare anche una perdita di tempo. Ripassare è sì la strada maestra per memorizzare a lungo termine qualsiasi tipo di informazione, ma ripetere qualcosa più del numero strettamente indispensabile di…

View original post 3.396 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: