OCCUPAZIONI ABUSIVE E SPRECHI ALL’ITALIANA: GLI ALLOGGI DEGLI EX CUSTODI SCOLASTICI

scuola custodePubblico integralmente un articolo pubblicato da Tuttoscuola.com in cui si parla degli alloggi che un tempo venivano assegnati ai custodi degli edifici scolastici e che a volte continuano ad essere occupati da custodi ormai in pensione o addirittura dai loro eredi. Il grassetto è mio.

Per dovere di cronaca, aggiungo che, qualora tale occupazione abusiva fosse in essere altrove, nella mia città non è così. Nei due licei in cui ho insegnato – nel secondo sono ancora in servizio – negli ultimi 20 anni, la casetta o appartamento del custode sono liberi ed utilizzati per svolgere attività didattiche o adibiti a magazzino, almeno in parte.
Ne consegue che un’eventuale occupazione abusiva degli alloggi un tempo occupati dai custodi e dalle loro famiglie sia da attribuire ad una cattiva gestione da parte dell’amministrazione locale che dovrebbe, a mio parere, segnalare l’abuso all’amministrazione statale che è competente in materia dal 2000. Sarei proprio curiosa di sapere dove tale pratica è così diffusa, sempre che lo sia.

Le occupazioni abusive di case e appartamenti riempiono quotidianamente le cronache nazionali, con particolare riferimento alle città di Milano e di Roma. Gli abusi denunciati spesso hanno al centro rivendicazioni di diritti inascoltati o di soprusi nei confronti di chi il diritto alla casa ce l’ha.
Senza il dramma di questi contrasti e di rivendicazioni contrapposte, il problema irrisolto di occupazioni abusive esiste anche nella scuola, pur in modo meno eclatante. Riguarda, soprattutto nelle grandi città, gli appartamenti degli ex-custodi delle scuole. Facciamo luce su una casistica sconosciuta ai più.
Quando nelle scuole elementari, fino agli anni ‘90, il personale ausiliario (ex-bidelli) era alle dipendenze dei Comuni, negli edifici scolastici di una certa dimensione era presente la figura del custode che assicurava il controllo della scuola e la vigilanza.
In cambio il Comune assicurava al custode l’uso di un appartamento e, spesso, la gratuità delle utenze di servizio (luce, acqua).
Gradualmente molti Comuni hanno dismesso la figura del custode, che è del tutto scomparsa dai profili del personale comunale transitato nel 2000 alle dipendenze dello Stato.
Ma, e qua viene il bello, l’appartamento già assegnato è rimasto nelle disponibilità dell’ex-custode e della sua famiglia. C’è di più. Nella maggior parte dei casi l’ex-custode è ora in pensione o è defunto, ma la famiglia continua a occupare l’appartamento (e forse anche a beneficiare dell’uso gratuito dei servizi) senza una giustificazione di servizio.
Gli spazi dell’appartamento potrebbero essere trasformati in locali ad uso didattico, in aule o in laboratori per le scuole, ma le richieste in tal senso dei dirigenti scolastici per un loro utilizzo sembrano cadere nel vuoto. Un abuso tollerato?

[immagine da questo sito]

Informazioni su marisamoles

Da piccola preferivo parlare ... oggi mi piace scrivere

Pubblicato il 24 novembre 2014, in scuola con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: