Archivi giornalieri: 26 marzo 2014

ISCRIZIONI ALLE SCUOLE SUPERIORI PER L’A.S. 2014/15: UNO STUDENTE SU DUE SCEGLIE IL LICEO

Colorful Chalk at ChalkboardI dati sono ancora provvisori (per quelli definitivi si dovrà aspettare aprile) ma è evidente che il percorso liceale è ancora preferito dalla metà dei nuovi iscritti per il prossimo anno scolastico. Con qualche distinzione, però, e una sorpresa: il corso di studi più quotato dopo il liceo è quello alberghiero, con 48.867. Sarà merito (o colpa?) dei nuovi talent che si svolgono in cucina?

Ma veniamo ai dati riferibili al liceo con le dovute distinzioni. In totale 266.000 studenti hanno scelto un indirizzo liceale, con un leggero aumento rispetto allo scorso anno.

Il liceo classico si mantiene stabile con il 6% di richieste (lo scorso anno erano il 6,1%).

Il liceo scientifico fa il boom con il 22,9% di iscritti, ma è in calo il corso tradizionale (0,6 punti percentuali), in crescita l’opzione delle Scienze applicate, scelta dal 6,3% del totale … tutti spaventati dal Latino? Un successo prevedibile per il neonato liceo scientifico sportivo, con 4.425 domande inoltrate … forse pensano si faccia solo “ginnastica”?

Il liceo linguistico è in crescita di 0,6 punti percentuali rispetto a un anno fa.
Stabile il liceo Artistico, mentre segnano un incremento di 0,1 punti percentuali i licei Musicali (600 domande in più). In aumento anche le preferenze per le Scienze Umane: +0,3.

Ora prendiamo in considerazione l’istruzione tecnica e professionale.
In lieve calo le iscrizioni ai Tecnici (-0,4) e Professionali (-0,8): nel dettaglio, il il 30,8% tredicenni italiani ha espresso la propria preferenza per un Istituto tecnico, il 19,1% per un Istituto professionale.

Vediamo ora la distribuzione delle preferenze sul territorio nazionale.
Al Centro-Sud le percentuali di iscrizioni ai Licei superano la media nazionale del 50,1%. Nel Lazio la media è di gran lunga superata con il 61,7% di preferenze. Seguono Umbria (54,7%), Abruzzo (54,5%) e Liguria (54%).
Gli Istituti tecnici sono gettonati più al Nord, specie nelle regioni orientali, come il Veneto (37,9%), il Friuli Venezia Giulia (37,3%) e l’Emilia Romagna (34,7%). Spostandoci ad ovest, in Lombardia le preferenze per i tecnici si attestano al 34,3%.
Al Sud fanno eccezione il Molise (34%) e la Calabria (32%).

Infine i professionali superano il 20% di iscrizioni contro una media del 19,1% in Basilicata (21,7%), Emilia Romagna (21,6%), Puglia e Campania (21,5%), Marche (21,3%), Sicilia (20,9%).

FONTE: MIUR

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: