VIOLA LA RETE INFORMATICA DELLA SCUOLA: GIOVANE HACKER MINORENNE ASSUNTO DA UNA DITTA VICENTINA

La notizia ha dell’incredibile. Uno dei giovanissimi studenti che hanno violato la rete informatica della scuola per cambiarsi i voti (ne ho parlato QUI), ha ricevuto un’offerta di lavoro da una ditta del vicentino in quanto, compiendo la bravata, ha dimostrato di essere in gamba.

Alessandro Petracca, uno dei responsabili della Cermit, ditta di ingegneria informatica di Thiene, ha dichiarato: «Non discuto il reato, spetta alla magistratura accertare. Ma quel ragazzo sembra essere veramente in gamba, e dobbiamo dargli una possibilità. Molti dei consulenti delle aziende americane sono stati prima degli hacker».

Non solo, l’azienda si offre fin d’ora a fornire l’assistenza legale al giovane di origine indiana che dovrà affrontare un processo per il reato commesso.

Quindi, il messaggio è questo: se sei bravo in informatica (pare che lo studente abbia 10, non si sa se prima o dopo il cracking), hai delle prospettive lavorative indipendentemente dal fatto che tu abbia commesso un reato. Quel che conta è essere in gamba, non l’onestà e la voglia di arrivare con le proprie forze, mettendo a frutto lo studio e l’applicazione.

E le migliaia di giovani, anche laureati, che da anni cercano un lavoro in questo settore e non lo trovano, che dicono? Nel frattempo lavorano nei call center e rimpiangono il tempo sprecato a studiare.

Ormai l’Italia è il Paese degli imbrogli legittimati dall’abilità. Che bell’esempio!

[LINK della fonte; immagine da questo sito]

Advertisements

Informazioni su marisamoles

Da piccola preferivo parlare ... oggi mi piace scrivere

Pubblicato il 1 ottobre 2012, in giovani d'oggi, Lavoro, scuola con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 10 commenti.

  1. Ecco la prova…gli studenti non son più quelli di una volta, ma anche i dirigenti delle aziende….

    Mi piace

  2. Ho dato un’occhiata al tuo materiale….grazie!!!! Ora lo passo alla mia bipede figlia!

    Mi piace

  3. Una volta ho sentito dire che “quando pensi di aver toccato il fondo senti sempre qualcuno bussare da sotto”…e questo è proprio il caso.
    Non so, potremmo suggerire ai laureati in cerca di lavoro di violare qualche rete o scassinare qualche banca…

    Mi piace

    • Quello che mi sconvolge non è tanto che un’azienda abbia bisogno di un esperto in cracking ma che ne assuma uno che ha violato il sito della scuola per cambiarsi i voti. Che affidamento può dare?

      Mi piace

      • Già, a nessuno sembra più interessare il perchè delle cose…
        Siamo solo all’inizio dell’anno e, per me, all’inizio di tutta una vita di lavoro (magari nella scuola) e sono desolata…

        Mi piace

      • Sono desolata anch’io e non sono all’inizio della carriera. Siamo desolati tutti, mi sembra. Mai visto così tanto malumore a scuola come negli ultimi due -tre anni. Spero che le cose cambino ma temo che andrà sempre peggio.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: