GELMINI INTERVISTATA DA “REPUBBLICA”: BASTA TAGLI E ASCOLTERÒ GLI STUDENTI

Sul numero di oggi del quotidiano “Repubblica” il ministro del MIUR, Mariastella Gelmini, si dichiara pronta ad uno stop ai tagli e ad ascoltare gli studenti che, in questi giorni, si sono uniti alle proteste dei docenti.

Innanzitutto smentisce i dati diffusi: i ragazzi che hanno protestato non erano 150mila, come sostengono i sindacati, ma solo 50mila. In ogni caso si dice pronta ad ascoltare la loro voce ma osserva: Vogliono una scuola egualitaria, la scuola come sistema senza la centralità del singolo studente. Quel sistema ci ha fatto precipitare nelle classifiche internazionali.

Di fronte alla parola “tagli, il ministro non s’indigna ma ammette che governare con i tagli è la cosa più difficile. In ogni caso promette che i tagli sono finiti. Nel 2012 la pianta organica dei docenti sarà stata ridotta di 80mila unità e lì ci fermeremo.

Ma non è l’unica promessa: Nella legge di stabilità ci saranno 100 milioni per le borse di studio universitarie. Stiamo trovando 400 milioni per l’edilizia scolastica. Per gli atenei del Sud c’è un miliardo in ricerca. E i migliori maturati, scelti dopo un test tra chi ha preso il massimo, avranno un assegno per mantenersi all’università. Cinque, diecimila euro l’anno. Prima nelle scuole c’erano i bidelli e le cooperative di pulizia insieme: via il doppione, abbiamo risparmiato 200 milioni. Insomma, pare che una scuola meno spendacciona possa portare ad avere un occhio di riguardo per chi merita davvero un sostegno. Gli assegni di studio, se il dato dovesse essere confermato (dalle parole ai fatti …), sarebbero una bella novità. Qualche tempo fa (ne ho parlato QUI) la Gelmini ha annunciato che dal 2012 ci sarà la possibilità di ottenere una borsa di studio da 10 mila euro per chi deciderà di iscriversi all’università lontano da casa e si sottoporrà ad un’ulteriore prova, che sarà comune, avendo ottenuto come voto finale di maturità almeno 80 centesimi. Quindi, pare che l’intenzione sia confermata ma i conti non tornano: ora fa riferimento agli studenti che usciranno con il massimo (prima bastava ottenere 80 centesimi) e parla di un assegno di cinque-diecimila euro l’anno (prima la borsa di studio era assegnata un tantum). Non resta che attendere il consulto con Tremonti …

Sul premio al merito degli insegnanti, ahimè, pare non abbia cambiato idea: vista l’impossibilità di aumentare gli stipendi, saranno premiati i docenti migliori e non quelli che hanno semplicemente scelto un impiego pubblico (?) attraverso un sistema di incentivi basato sui test Invalsi. Evidentemente non ha ancora capito che i dati dei test sono opinabili e che i test stessi sono inadeguati. (ne ho parlato in modo diffuso QUI)

E veniamo ai dati degli scrutini che, secondo un’indagine di “Repubblica”, il ministero per quattro anni avrebbe “taroccato” (ne ho parlato QUI). Il ministro smentisce di aver omesso di pubblicare i dati contestati e sul motivo del contendere, ovvero la presunta crescita dei bocciati che, invece, secondo “Repubblica” sarebbero in diminuzione, osserva: Non mi sono mai compiaciuta dell’aumento dei bocciati, non sono così sciocca“. Meno male!

Infine, un’osservazione sugli errori, quasi mille, presenti nella batteria di test su cui si stanno esercitando gli aspiranti Dirigenti Scolastici che il 12 ottobre sosterranno la prova preselettiva (anche su questo argomento mi sono soffermata a riflettere, in particolare QUI): La commissione che li ha prodotti non l’ho nominata io. Sono errori gravi, non mi capacito. Gli autori non saranno retribuiti e l’agenzia che li ha scelti sta valutando se chiedere i danni.

A questo punto, avrei una domanda: che farete con i soldi che risparmierete non pagando gli “autori”? Ma soprattutto: a quanto ammonta il risparmio? Così, giusto per sapere.

[foto da questo sito]

Annunci

Informazioni su marisamoles

Da piccola preferivo parlare ... oggi mi piace scrivere

Pubblicato il 9 ottobre 2011, in MIUR, scuola, Test Invalsi con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: