ESAME DI STATO 2012: AL POSTO DELLA TERZA PROVA, IN ARRIVO IL TEST INVALSI. MA NON PER TUTTI

Per gli studenti che si accingono a frequentare l’ultimo anno di scuola superiore c’è una novità firmata MIUR: il ministro Mariastella Gelmini ha predisposto la sostituzione della Terza Prova scritta dell’Esame di Stato con un test uguale per tutti gli indirizzi di studio della secondaria di II grado. Ma, almeno per ora, non è una prova obbligatoria.

La sperimentazione partirà su base volontaria nel 2012, poi il test, elaborato dall’InValsi (l’istituto che prepara da molti anni le prove standard, che tanto hanno fatto discutere negli ultimi mesi, con l’obiettivo di misurare il livello degli studenti che frequentano le scuole di ogni ordine e grado) potrebbe diventare obbligatorio già a partire dal 2013.

La Terza Prova, chiamata impropriamente “Quizzone”, è elaborata da ogni singola commissione e solitamente comprende una batteria di quesiti, su quattro o cinque discipline diverse, che possono essere a risposta multipla ma anche chiusa, propendendo per lo più per la cosiddetta “trattazione sintetica di argomenti”. (ne ho parlato in modo più diffuso QUI)

Come ha spiegato la Gelmini ieri a Cernobbio, nel suo intervento al Forum Ambrosetti, «La valutazione è una pratica diffusa in tutti i Paesi avanzati ed è essenziale per alzare la qualità del sistema dell’istruzione».
Intanto sono stati pubblicati i risultati dei test OCSE-PISA, relativi al 2009, da cui risulta che la scuola italiana è migliorata (prendendo sempre con le pinze l’attendibilità di questi test su cui ho più volte espresso i miei dubbi … ma l’attendibilità è trascurabile nel confronto tra i test precedenti e i più recenti): gli studenti italiani hanno recuperato quattro posti in italiano e tre in matematica.

La grande sorpresa è quella della Puglia che ha guadagnato 50 punti (il 10%), salendo al di sopra della media nazionale. Un buon risultato che fa ben sperare, quantomeno nell’onestà dei somministratori dei test. (potete leggere una riflessione a riguardo QUI)

L’obiettivo del ministro, con l’introduzione di una prova comune elaborata dall’InVasi, è quello di rendere meno eterogenee le valutazioni dell’Esame di Stato (la prova, infatti, concorre al voto finale) e di far pesare il voto della Maturità nei test d’ammissione per le facoltà universitarie a numero chiuso.
A questo proposito, il bonus previsto nel 2007 dall’allora ministro Fioroni è ancora congelato nel timore che avrebbe premiato non gli studenti più bravi ma quelli con i professori più generosi. Secondo la Gelmini questo rischio sarebbe ridotto dalla prova comune.

La vera novità dell’Esame di Stato 2012 è, invece, la possibilità di ottenere una borsa di studio da 10 mila euro per chi deciderà di iscriversi all’università lontano da casa e si sottoporrà ad un’ulteriore prova, anch’essa comune, avendo ottenuto come voto finale di maturità almeno 80 centesimi.

[fonte: Il Corriere]

ARTICOLO CORRELATO: Esame di Stato 2012: disposizioni dal MIUR.
VEDI ANCHE LA “PAGINA” DEDICATA ALL’ESAME DI STATO

Annunci

Informazioni su marisamoles

Da piccola preferivo parlare ... oggi mi piace scrivere

Pubblicato il 5 settembre 2011, in Esame di Stato, studenti, Test Invalsi, Valutazione studenti con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. Forte “laprofonline”! Mi terrò aggiornata attraverso i tuoi post “scolastici”. A proposito di Invalsi, dopo tutti i problemi che ha dato per gli esami delle medie inferiori, ci voleva anche alle superiori! Al peggio non c’è mai fondo. A presto, Es.

    Mi piace

    • Non so esattamente quali problemi si siano verificati con i test per la III media e devo dire che non so nemmeno se sono d’accordo o no con questo test. Tuttavia, se l’obiettivo è quello di una valutazione meno eterogenea, non credo lo si possa raggiungere con questo strumento: gli insegnanti che hanno la malsana abitudine di suggerire, non sarebbero intimoriti, credo, dal test Invalsi.

      Vieni pure a trovarmi quando vuoi, sei sempre la benvenuta. Spero solo di riuscire a mantenere aggiornato questo blog, visto che ormai le vacanze sono finite. 😦

      Ciao.

      Mi piace

  1. Pingback: GELMINI INTERVISTATA DA “REPUBBLICA”: BASTA TAGLI E ASCOLTERÒ GLI STUDENTI « laprofonline

  2. Pingback: UN ANNO CON VOI « laprofonline

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: