BOCCIATA IN PRIMA ELEMENTARE: GIUSTO O SBAGLIATO?

Lì per lì la notizia mi aveva lascita perplessa: Assunta, sei anni, è stata bocciata in prima elementare. E’ successo a Lacco Ameno, Ischia. I genitori, però, non ci stanno: la scuola non li aveva nemmeno avvertiti della possibilità di una bocciatura e poi Assunta era stata abbandonata dagli insegnanti, relegata nell’ultima fila senza che nessuno si occupasse di quei piccoli problemi di apprendimento che, tra l’altro, non avevano nemmeno impensierito una psicologa che l’aveva visitata durante l’anno scolastico.

Letta così, la notizia può suscitare indignazione: ma come, una piccola e innocente scolara, che aveva collezionato solo qualche insufficienza nel primo quadrimestre (a detta della madre Maria), deve sopportare l’umiliazione di ripetere l’anno, all’inizio della sua avventura scolastica, solo perché i suoi problemini sono stati sottovalutati? Naturalmente, di primo acchito tutti solidali con la famiglia che ha annunciato il ricorso al TAR.

CONTINUA A LEGGERE >>>

Annunci

Informazioni su marisamoles

Da piccola preferivo parlare ... oggi mi piace scrivere

Pubblicato il 10 luglio 2011, in famiglia, scuola, Valutazione studenti con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Klaus von Bremen

    La direttrice Maria Chiara Conti, giustificando la bocciatura di una bambina della prima elementare, afferma: “Se la scuola italiana riprendesse a bocciare alle scuole primarie, al liceo non ci sarebbero tanti bocciati, anzi in molti non arriverebbero proprio al liceo”.

    Lei cita la Conti e esclama: “SANTE PAROLE!!!”

    Almeno due commenti condividono.

    “Infatti non mi sono mai spiegata perchè alle scuole elementari non si venisse mai bocciati …”

    “Perfettamente d’accordo, meglio una bocciatura subito che trascinare errori e orrori per tutto il percorso scolastico”.

    A prescindere dal fatto che, con ogni probabilità, como già è fatto rimarcare da altri commentatori, si tratta di un caso di dislessia dunque di un problema medicale – ma Lorsignore non si rendono conto che, con tali affermazioni, si mettono fuori dall’Europa.

    Fuori da quel dibattito, da Comenius via Pestalozzi, Montessori ecc. a Don Milan ed oltre, che parte dal senso originale – greco – della parola ‘pedagogo’, cioè ‘guida del bambino’.

    ‘Guida’ nel senso di quella/quello che, nel lungo cammino dall’infanzia all’età adulta, aiuta il bambino/giovane a crescere, l’instrada sulla ‘retta via’.

    L’orribile filosofia espressa nella parole quassu, nel meglior caso non fa danno, nel peggior caso uccide. (I casi di bocciature seguite da suicidi non mancano in Italia).

    Nel mio paese, la Svezia, si mette voti solo dalla 4. elementare. Fin lì, i voti si sostituiscono con discussioni fra insegnante/i e genitori (il “quarto d’ora del genitore”.

    L’esame di maturità fu abolito alcuni decenni fa.

    Il ‘tu’ è universale nella scuola svedese. (Ma noi ci diamo del ‘tu’ anche con un ministro ecc.)

    Con tutto questo, la Svezia è un abisso d’ignoranza?

    Cito l’ultimo test Pisa di cui ho conoscenza, quello del 2002. (I numeri si riferiscono a posizioni).

    Lettura Matematica Scienze naturali

    Svezia 9 15 10

    Italia 20 26 24

    Aggiungo quaggiù la lista completa e il commento di Venturi.

    Tanti saluti Klaus von Bremen

    klausvonbrehemen@libero.it

    ************************************************************

    Confronti: Italia, scuola bocciata (ma non fa quasi notizia)

    Alfredo Venturi

    L’indagine PISA sulle competenze al termine dell’obbligo scolastico colloca i ragazzi italiani in una posizione deludente nel confronto internazionale

    – Note basse sia per capacità di lettura, sia per competenze scientifiche e matematiche

    – Ma a differenza dalla Germania, dove una situazione simile ha fatto sensazione e suscitato accese polemiche e proposte d’interventi, se ne è parlato poco

    Il quadro è deludente per i ragazzi italiani come per i loro coetanei tedeschi, eppure la reazione nei due paesi è stata assai diversa. Se il responso del PISA ha suscitato un aspro dibattito in Germania, si potrebbe quasi dire che vi ha determinato una salutare onda d’urto, con accorati appelli e richieste di interventi urgenti per migliorare la qualità della scuola, in Italia è passato quasi inosservato.

    Eppure il PISA (acrostico inglese del Programma per la valutazione internazionale degli studenti, una iniziativa dell’OCSE) ha rivelato una realtà ancora meno soddisfacente in Italia che in Germania. I due paesi sono entrambi al di sotto della media, ma l’Italia un poco più in basso.

    E allora, perché mai da noi la pubblicazione di quei dati, oltre tutto in una stagione in cui la scuola, alle prese con un controverso piano di riforma, è al centro dell’attenzione, è praticamente caduta nel vuoto? Sono i misteri delle priorità politiche, e giornalistiche, di questo paese.

    Quello che si proponevano gli uffici dell’OCSE era di trovare una risposta a questa domanda: quanto sono attrezzati i giovani che lasciano la scuola dell’obbligo per affrontare le sfide della società? Sono in grado di leggere e capire testi complessi? Sanno usare le conoscenze scientifiche e matematiche acquisite a scuola per muoversi a proprio agio in un mondo sempre più fondato sulla tecnologia?

    L’indagine, la prima di una serie con periodicità triennale, è stata condotta nel 2000 fra 265 mila quindicenni di 32 paesi: in pratica quelli dell’OCSE, cioè i paesi con più alti tassi di sviluppo, più alcuni altri come la Federazione Russa o il Brasile. Sono state impiegate tecniche di rilevazione piuttosto sofisticate.

    Per esempio la valutazione della capacità di lettura è stata schematizzata in sei gruppi, che decrescono dal livello 5 (comprensione di testi complessi, capacità di valutarne le informazioni e costruire ipotesi) fino a sotto il livello 1 (comprensione di testi elementari e individuazione del loro tema principale). Ebbene, in media il 10 per cento del campione è stato localizzato nel primo gruppo, il 6 per cento nell’ultimo, il 12 nel penultimo (livello 1).

    In Italia la situazione è decisamente peggiore, soltanto il 5 per cento al livello 5, complessivamente il 19 per cento al livello 1 o al di sotto.

    L’accostamento dei dati permette di costruire una graduatoria certo in sé piuttosto semplicistica, visto che si confrontano realtà così diverse: ma che ha almeno il merito di offrire utili spunti di riflessione, e forse di stimolare una opportuna competizione internazionale. Ebbene questa graduatoria vede l’Italia, in materia di capacità di lettura, nel gruppo dei paesi al di sotto della media, precisamente fra il diciannovesimo e il ventiquattresimo posto in compagnia di Spagna e Germania (l’arco statistico sconta il margine di errore legato alla ristrettezza del campione).

    Abbiamo ai primi posti Finlandia, Canada, Nuova Zelanda, Australia, Irlanda; agli ultimissimi Grecia, Portogallo, Russia, Messico, Brasile.

    Ancora peggio vanno le cose per i nostri quindicenni in materia di competenze matematiche e scientifiche: siamo fra la ventitreesima e la venticinquesima posizione. Qui trionfa l’Estremo Oriente: Corea e Giappone ai primi posti seguiti da Nuova Zelanda, Finlandia e Australia per la matematica, Finlandia, Regno Unito e Canada per la scienza.

    Che dire di questi dati? Prima di tutto una cosa, ovvia soltanto in apparenza: l’indagine riguarda direttamente i ragazzi al termine dell’istruzione obbligatoria nei singoli paesi considerati, ma il vero oggetto sono in realtà i vari sistemi scolastici, inquadrati nelle rispettive realtà sociali. Queste ultime hanno un peso decisivo e evidente: i paesi con risultati migliori, dal Giappone alla Finlandia, corrispondono alle società più compatte.

    La Germania, che pure vanta una tradizione educativa di prim’ordine, deve fare i conti con le sfide della società multiculturale: questo la porta ad avere sì un alto numero di ragazzi nel gruppo più evoluto, ma anche una folta presenza sui gradini inferiori della scala, che trascina la media verso il basso. Quanto all’Italia, naviga nelle acque basse della graduatoria più per avere pochi ragazzi al livello più alto che per averne tanti ai livelli inferiori.

    Dell’Italia i ricercatori dell’OCSE sottolineano fra l’altro l’apparente contraddizione fra quei risultati mediocri e l’importanza dell’investimento finanziario. Per ogni studente italiano lo stato spende dall’inizio dell’istruzione elementare fino ai 15 anni quasi 61 mila dollari, contro una media di nemmeno 44 mila. Soldi tanti ma spesi male, insomma: scuola inefficiente quanto costosa.

    L’indagine PISA conferma poi il migliore rendimento scolastico femminile, soprattutto in materia di lettura. Questo elemento è comune a tutti i paesi, e la differenza è particolarmente marcata in Italia. Questo significa che la situazione fra gli italiani di sesso maschile è proporzionalmente molto più grave del dato complessivo: infatti circa un quarto dei nostri quindicenni hanno una capacità di lettura decisamente limitata.

    I frequentatori del nostro sito non avranno difficoltà a ricordare che la LAPIS, d’intesa con il Comando della Regione militare Sud, aveva anticipato questa amara realtà con un’indagine fra i ragazzi di leva in alcune province dell’Italia meridionale. Allora quei risultati fecero scalpore, in particolare quello che registrava un tasso di dispersione scolastica ben superiore alle prudentissime cifre ufficiali e quello che denunciava un’attitudine alla lettura assolutamente marginale: ma da allora le conferme si sprecano.

    Ancora un dato: mediamente un ragazzo su quattro fra i 265 mila intervistati non ama andare a scuola. Ma in Italia, così come in Francia e negli Stati Uniti, gli studenti riluttanti sono ben più di un terzo, si avvicinano addirittura alla metà del campione.

    Dunque non soltanto costosa, non soltanto inefficiente: anche sgradita, la scuola italiana, questa grande malata bisognosa di cure attente, sollecite, davvero riformatrici nel segno di un moderno recupero della straordinaria tradizione culturale del paese.

    E come se tutto questo non bastasse, ecco che si sta cercando d’imporre una scuola concepita come agenzia di collocamento al servizio dell'”azienda Italia”. Se questa impostazione non sarà stata corretta ci sarà davvero da soffrire, a leggere i risultati PISA del futuro.

    ———————————————————–

    Lettura Matematica Scienze naturali

    Finlandia 1 4 3
    Canada 2 6 5
    Nuova Zeelanda 3 3 6
    Australia 4 5 7
    Irlanda 5 16 9
    Corea del Sud 6 2 1
    Gran Bretagna 7 8 4
    Giappone 8 1 2

    Svezia 9 15 10

    Austria 10 11 8
    Norvegia 13 17 13
    Francia 14 10 12
    USA 15 19 14
    Danimarca 16 12 22
    Svizzera 17 7 18
    Spagna 18 23 19
    Repubblica Ceca 19 18 11

    Italia 20 26 24

    Germania 21 20 20

    Grecia 25 28 26
    Portugallo 26 27 29
    Messico 30 30 23
    Brasile 31 31 31

    *****************************************************************************************

    Mi piace

    • @ Klaus von Bremen

      Ti ringrazio per il lungo intervento ma credo che i tuoi ragionamenti siano fuori luogo. Innanzitutto i dati che riporti, risalenti al 2002, sono ormai superati. In secondo luogo, i dati OCSE-PISA non tengono conto del fatto che i test proposti sono incompatibili con gli strumenti e gli obiettivi di apprendimento utilizzati nelle scuole italiane. Terzo, non discuto sui risultati della Svezia, di cui non mi sono mai occupata, ma posso affermare, perché provato da persone ben più competenti di me (vedi il Blog di Giorgio Israel), che il “modello Finlandia”, almeno per quanto riguarda la matematica, è stato smontato: i finlandesi, infatti, come succede anche in altri Paesi, sono addestrati a superare i test ma effettivamente della matematica non capiscono un acca. Noi docenti italiani non siamo intenzionati ad adottare il teaching to the test. Non dimentichiamo, inoltre, che il modello scolastico italiano è enormemente apprezzato da chi ha avuto occasione di studiare o lavorare negli USA (vedi QUI, per quanto riguarda, ad esempio, l’insegnamento del latino, l’opinione di Luca Cavalli Sforza).

      Sui famigerati test Invalsi ho dedicato ampi spazi nell’altro Blog (LINK).

      Venendo al caso in questione, cioè la bocciatura della bambina ad Ischia, per non ripetermi ti rimando ai miei interventi nella discussione sull’altro blog. (LINK)

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: